Articolo originale in inglese di Cara Bell

Dal suo inizio come startup che produce DNA plasmidico formata da due persone fino all’attuale costruzione del suo campus di 14 acri, Aldevron ha fatto affidamento su SketchUp per molti dei suoi progetti architettonici e di design. Abbiamo chiacchierato con i sostenitori di SketchUp Matt Chambers, capo stratega di Aldevron, e Chris Fischer, capo architetto dello studio di architettura BWBR, per approfondire i dettagli 3D ed esplorare come BWBR in tandem con ZerrBerg ha aiutato Aldevron a realizzare i propri obiettivi architettonici per il nuovo campus.

Viste diverse del nuovo campus di Aldevron utilizzando SketchUp e Lumion.

Matt, parlaci un po’ di Aldevron e di qual è stato il tuo ruolo in azienda nel corso degli anni.

Aldevron è un importante azienda fornitrice globale di DNA plasmidico, RNA e proteine ​​per le cliniche e per gli istituti di ricerca con sede a Fargo, nel North Dakota. Quando ho iniziato a lavorare in Aldevron nel 2000, era solo una start-up che spingeva molto per espandersi rapidamente. Il nostro team era molto piccolo, quindi avevamo un approccio “rimbocchiamoci le maniche e facciamo le cose da soli”.

In tale ottica, ho iniziato a utilizzare SketchUp per aiutare con le riconfigurazioni del laboratorio insieme alla pianificazione operativa e logistica. Sono diventato uno “stenografo visuale”, in quanto facevo i brainstorming con gli scienziati sui requisiti della disposizione dei laboratori e realizzavo progetti schematici rapidamente per soddisfare le loro esigenze.

SketchUp ci ha aiutato a campionare rapidamente gli spazi all’interno dell’edificio e a iterarli al volo. Fin dall’inizio è stato inestimabile essere in grado di misurare con precisione e visualizzare gli spazi direttamente in 3D. Questo ci ha permesso di coinvolgere i nostri clienti e gli scienziati per ogni cambiamento scelto”.

I primi giorni ad Aldevron: convertire un piccolo laboratorio in una sala di lisi.

Una volta che Aldevron ha iniziato ad espandersi, abbiamo assunto ZerrBerg con il partner di progettazione BWBR per collaborare con noi all’espansione del nostro campus in linea con il nostro successo e la nostra crescita. ZBA, BWBR e Gehrtz Construction Services stanno attualmente gestendo la prima fase della nostra espansione del campus di 14 acri.

Chris, parlaci un po’ di BWBR e qual è il tuo ruolo nel progetto Aldevron.

BWBR è un importante studio di architettura che si sforza di creare spazi eccezionali, la maggior parte del nostro lavoro è incentrato su ambienti complessi. Noi, insieme agli architetti ZerrBerg, siamo stati scelti appositamente per questo progetto perché abbiamo una solida esperienza nella progettazione per l’industria scientifica e tecnologica. Sono un design leader presso BWBR e ho supervisionato il team di progettazione su questo progetto. Un progetto che include un gruppo di committenti molto competente e deciso, che è stato eccezionale nell’informare e guidare il team di progettazione sul processo e sugli obiettivi di Aldevron. Il nostro team si concentra sul raggiungimento dei più alti standard di progettazione possibili per il cliente quando si considera la funzione, la composizione, il budget, la sostenibilità e il design resiliente.

Ci parli del progetto del nuovo campus?

Con Aldevron siamo alle fasi iniziali per la costruzione di un campus di 14 acri a Fargo, nel North Dakota. Fargo è una città importante per Aldevron, è il luogo di nascita dei fondatori ed è un punto nevralgico per il settore nella regione. Michael Chambers, CEO fondatore e Presidente Esecutivo, ha studiato presso la North Dakota State and University di Fargo e ha mantenuto ancora oggi forti legami con l’Università e la comunità.

La visione di Michael per l’azienda e l’acquisizione della proprietà vicino al campus Microsoft di Fargo sono stati fattori chiave nello sviluppo di un layout olistico del piano generale. Attualmente, siamo concentrati sulla fase di costruzione del nuovo stabilimento produttivo a nord, adiacente all’edificio esistente. Questa nuova struttura sarà sfruttata per soddisfare le esigenze di produzione di un’azienda in rapida crescita. Considerando l’attuale crescita dell’azienda e le sue mutevoli esigenze spaziali, dobbiamo massimizzare la capacità di questo sito di supportare le crescenti attività di Aldevron.

Il piano generale consiste in un ampliamento dell’impianto di produzione dei prodotti biologici e nello sviluppo sia di un edificio per amministrazione che di uno per la ricerca e lo sviluppo.

Uno sguardo dall’alto sull’intera struttura proposta

I materiali, la composizione e il layout degli edifici sono in linea con la missione e gli obiettivi del progetto Aldevron: un senso di innovazione e lungimiranza erano impliciti nell’architettura pur mantenendo funzionalità ed efficienza da tutti i punti di vista del campus . Pertanto, in tutto l’edificio, abbiamo incorporato un’atmosfera pulita e moderna con citazioni ponderate del marchio Aldevron. Abbiamo anche preso in considerazione lo sfruttamento la luce solare, le visuali, l’apertura e l’adattabilità.

Avvicinandosi all’edificio da nord-ovest, una sezione di quasi otto metri sporge dalla struttura a due piani e racchiude un’ampia area vetrata. Tra l’edificio esistente e quello nuovo trova posto una giardino centrale che crea una connessione fisica e visiva tra le aree di amministrazione e quelle produttive.

Quest’area si collega agli spazi degli ufficio e avvolge il perimetro della pianta per sfruttare la luce naturale al massimo. Per incoraggiare l’interazione e la collaborazione, abbiamo progettato diverse aree lounge facilmente accessibili da tutti gli spazi di lavoro.

Lo stabilimento produttivo è situato in posizione centrale al piano terra. In contrasto con gli spazi più pubblici, l’impianto di produzione è progettato per essere privato a causa della natura confidenziale del lavoro svolto in questo spazio, ma comunque visibile attraverso tour organizzati.

L’edificio di produzione nord è collegato all’edificio preesistente attraverso una moderna passerella in vetro.

I sistemi di distribuzione meccanica sono completamente visibili all’interno dell’edificio, inclusi i sistemi di aerazione, i deflettori acustici e l’illuminazione. Questi sistemi conferiscono allo spazio un’estetica efficiente e industriale.

Puoi dirci qualcosa sui requisiti di progettazione?

C’erano molti requisiti di progettazione basati sulle esigenze specifiche dell’azienda e del settore, ma il più grande – e più importante – era che si trattasse di una struttura di Good Manufacturing Practice (GMP). Con una struttura GMP, hai a che fare con la Food & Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti e altri regolamenti e documenti governativi che sono fondamentali per la disposizione dell’edificio. Abbiamo esperienza nella progettazione di GMP e altri edifici scientifici e tecnologici, ma siamo stati anche in grado di sfruttare le conoscenze del team del cliente, che ha lavorato e sviluppato questo ambiente unico. La comprensione approfondita del processo da parte dei clienti ci ha permesso di incorporare premurosamente i requisiti di produzione nel progetto.

Altri requisiti chiave includevano l’incorporazione di più parcheggi, il collegamento con l’edificio esistente, la progettazione di spazi flessibili, collaborativi e ben illuminati di giorno.

Abbiamo collaborato con il nostro team di ingegneri all’inizio del processo di progettazione per trovare il giusto equilibrio tra vetrature e luce. La facciata densamente vetrata consentiva un’abbondante luce diurna, ma dovevamo garantire che l’abbagliamento e il surriscaldamento non diventassero un problema. Al posto dei dispositivi di oscuramento degli interni, che possono diventare un problema di manutenzione se non adeguatamente controllati, abbiamo utilizzato una fritta ceramica. Una fritta di ceramica del 40% sul vetro ha rimosso l’assorbimento del calore e l’abbagliamento mantenendo la luce del giorno e la visuale. Inoltre, le facciate occidentali sono state protette con estrusioni verticali 1′-0” sui montanti delle facciate continue.

Con l’evoluzione di questo campus, vogliamo che l’architettura fluisca senza soluzione di continuità da uno spazio all’altro con la flessibilità necessaria per adattarsi a una rapida crescita. Abbiamo tenuto conto di questi requisiti futuri nel piano generale mantenendo il lavoro attuale economicamente sostenibile.

Qual è il tuo tipico flusso di lavoro di progettazione?

Il nostro flusso di lavoro segue un approccio ibrido con SketchUp come strumento di progettazione principale. Iniziamo importando elementi complessi (colonne, travi, travetti, sistemi di ringhiere e scale) da Revit in SketchUp o modelliamo semplicemente la struttura direttamente in SketchUp.

Una volta arrivati allo sviluppo degli interni, importiamo un mix di elementi di file DWG derivati da Revit e modelli 3D Warehouse.

“La 3D Warehouse è molto preziosa perchè ci fa risparmiare il tempo che altrimenti passeremmo a modellare cose come mobili e illuminazione da zero”.

Vista verso il “Campus Entry” della nuova struttura amministrativa.

Con tutti gli elementi essenziali al loro posto, iniziamo a personalizzare il design in base alle esigenze del cliente. Una volta che il nostro team ha finalizzato le idee progettuali, ci prepariamo a presentare la nostra proposta al cliente. Eseguiamo il rendering del modello in Lumion ed esportiamo le immagini in tempo reale. L’output fotorealistico rende più facile per il nostro cliente capire come apparirà lo spazio nel suo stato finale.

Per te e in particolare per il progetto Aldevron, quali sono i vantaggi dell’utilizzo di SketchUp?

Il nostro team ha sempre utilizzato SketchUp come strumento di progettazione principale grazie alla sua flessibilità, facilità e velocità. Abbiamo provato altri software ma li abbiamo trovati troppo ingombranti, soprattutto per la progettazione concettuale”.

Amiamo l’agilità di SketchUp e il modo in cui ci consente di riportare rapidamente in 3D le nostre idee di progettazione. Siamo stati in grado di progettare in modo efficiente e accurato in breve tempo. Avevamo meno di un mese per elaborare la versione esterna e l’animazione del progetto per il piano generale.

A proposito di Aldevron
Aldevron è leader nel progresso della scienza biologica. I loro servizi di sviluppo e produzione personalizzati hanno fornito agli scienziati di tutto il mondo i componenti essenziali per accelerare la ricerca e aprire i loro laboratori a scoperte rivoluzionarie e scientifiche. Aldevron cerca di essere il partner di riferimento per la produzione di DNA plasmidico, mRNA, proteine, enzimi e altri prodotti biologici di alta qualità a sostegno delle esigenze sanitarie globali.

A proposito di BWBR
BWBR è un team di professionisti in architettura, interior design, pianificazione e ricerca ossessionati dalle prestazioni delle persone e delle organizzazioni. Per quasi un secolo, l’azienda ha progettato soluzioni per migliorare il modo in cui le persone vivono, lavorano, guariscono, imparano, pregano e giocano in spazi coinvolgenti e consapevoli. Sfruttando la potenza del design, BWBR trasforma la vita attraverso degli ambienti eccezionali.

Rispondi