Logo Tecnobit menu testata.

Chi siamo

Imparare a gestire i materiali personalizzati in Enscape.

Imparare a gestire i materiali personalizzati in Enscape

Nella realizzazione di rendering architettonici convincenti, la qualità delle texture gioca un ruolo fondamentale, ma il mondo reale del design e delle costruzioni offre un numero illimitato di materiali, colori, composizioni, disposizioni e combinazioni possibili. Di conseguenza è inevitabile dover reperire o produrre dei materiali personalizzati e per far ciò le aziende, in particolare quelle che utilizzano Enscape, possono ottimizzare il processo organizzando i materiali personalizzati in modo tale che tutti nello studio possano accedervi. Non solo, ma dovrebbero anche avere accesso agli stessi materiali in tutti i software di modellazione 3D supportate da Enscape.

Questo articolo mette in luce le opportunità di gestire materiali e texture personalizzati in Revit e SketchUp, con la possibilità di trasferire materiali tra programmi di modellazione 3D supportati da Enscape per una maggiore coerenza ed efficienza nel processo progettuale.

Imparare a gestire i materiali forniti da Enscape

Quando si è alla ricerca di un materiale adatto a una certa superficie, la prima opzione è quella di utilizzare i materiali forniti da Enscape e ce ne sono parecchi, di alta qualità, con bump mapping e impostazioni professionali che li rendono assolutamente adeguati alla resa grafica dei progetti di architettura e d’interni.

Per gli utenti Revit, poiché la maggior parte dei progetti prevede la condivisione del lavoro, è importante pianificare in anticipo e configurare le cose in modo che i materiali siano accessibili a tutti coloro che lavorano al progetto. Per impostazione predefinita, i materiali Enscape vengono scaricati sul computer locale di ciascun utente, quindi non sono subito accessibili a tutti i progettisti dello studio.

Per risolvere questo problema, è necessario scaricare tutti i materiali forniti da Enscape e posizionarli in una cartella condivisa nella rete locale. Successivamente bisognerà modificare il percorso di importazione delle texture per ogni utente, in modo che punti alla cartella condivisa. L’impostazione del percorso personalizzato può anche essere automatizzata con una personalizzazione dell’installazione di Enscape. Anche Revit ha una libreria di materiali che gli utenti di Enscape possono utilizzare. 

Imparare a gestire i materiali forniti da Enscape​.
Come specificare il percorso di importazione texture di Enscape

Il percorso sia per le texture personalizzate di Revit che per quelle fornite da Enscape può essere definito all’interno della finestra di dialogo Opzioni di Revit, come mostrato nell’immagine seguente.

Texture personalizzate in Revit.
Percorso personalizzato per la ricerca di materiali nelle finetsra di dialogo Opzioni di Revit

Imparare a creare e gestire i mateirali in Revit

Revit può creare una libreria di materiali personalizzati, ovvero un piccolo file che contiene tutti i nomi e le impostazioni dei materiali, nonché il percorso delle texture salvate al suo interno. Questo file può essere aperto da una directory di rete condivisa, consentendo allo staff di accedere agli stessi materiali e texture. L’immagine seguente evidenzia un percorso per una dipintura muraria all’interno della libreria di materiali personalizzati di Lake|Flato, la libreria è denominata LF Materials.

Si noti che tutte le texture di Revit hanno un piccolo triangolo dorato nell’angolo inferiore sinistro, questo indica che il materiale è un materiale legacy e non uno dei nuovi materiali avanzati di Revit. Esistono pro e contro per entrambi i tipi di materiali, ma un aspetto importante da tenere a mente è che Enscape supporta solo i materiali legacy all’interno del proprio editor di materiali in Revit. I materiali avanzati funzionano comunque (con alcune piccole eccezioni), ma non sono visibili nella finestra di dialogo dell’Editor di materiali Enscape.

Libreria di materiali personalizzati in Revit

I materiali provenienti da una libreria Revit personalizzata possono essere importati nel progetto e modificati se necessario. Si noti che il materiale legno importato ha una texture primaria e una bump map complementare.

Texture Revit legno con bump map.
Materiale Revit personalizzato caricato nel progetto

Si noti, nell’immagine seguente, che lo stesso materiale legno è ora visibile all’interno dell’Editor di materiali Enscape aperto in Revit (questa è la stessa finestra di dialogo che non è in grado di caricare i materiali avanzati di Revit).

Facendo clic sull’icona “…” accanto a un materiale si apre il menu mostrato di seguito con l’opzione Esporta pacchetto materiali, questa è l’operazione chiave per spostare i materiali tra le varie piattaforme di modellazione 3D supportate da Enscape, come Revit, SketchUp, Rhino e altre.

Esportazione di Materiali dalla libreria di Enscape.
Esportazione di materiali dalla libreria di Enscape

Tutti i materiali di Revit possono essere esportati in una cartella di rete condivisa per essere utilizzati in altre piattaforme di modellazione, come SketchUp. Il processo di utilizzo di questa stessa texture legno creata in Revit verrà descritto di seguito.

File Explorer - Pacchetti di Materiali Enscape esportato.
File Explorer - Pacchetti di Materiali Enscape esportato

Gestire l'editor di materiali in SketchUp

In SketchUp, l’Editor di materiali Enscape può essere utilizzato per importare nuove texture da pacchetti di materiali creati da Enscape.
Nota bene, tieni presente che questo processo può funzionare anche nella direzione inversa, ovvero i materiali definiti in SketchUp possono essere esportati e poi importati in Revit, Rhino, Archicad, ecc.

Importare materiali nell'Editor di Enscape in SketchUp
Materiali importati in SketchUp.
Materiale importato nell'Editor di Enscape in SketchUp

Una volta importato, il materiale appare all’interno dell’Editor di materiali Enscape all’interno di SketchUp.
Si noti che il nome e le impostazioni del materiale sono identici alla precedente schermata dell’Editor di materiali Enscape all’interno di Revit.

La versione più basilare del materiale di SketchUp è visibile anche nel Pannello dei materiali di SketchUp.

Nuovo Materiale visibile nell'Editor di SketchUp

Le due immagini successive mostrano un prima e un dopo, evidenziando il materiale in legno applicato all’angolo esterno dell’edificio.

Si noti che il materiale personalizzato definito in Revit è ora stato correttamente definito e utilizzato all’interno di SketchUp. L’aspetto visivo e le prestazioni del materiale (all’interno di Enscape) sono identici al 100% tra le due piattaforme di modellazione.

Si noti che le texture per i materiali importati finiscono nella cartella “Texture importate”. Nessuna delle piattaforme di modellazione supportate da Enscape memorizza le texture all’interno del file di progetto. Ciò significa che è importante garantire che la posizione e l’accesso a queste risorse personalizzate siano ben gestite.

Before After Modello SketchUp - Enscape prima.

Conclusione

Si potrebbe dire altro sul processo e sui vantaggi di organizzare e gestire i materiali personalizzati all’interno di uno studio di progettazione. Tuttavia i concetti generali esposti dovrebbero essere sufficienti per guidare coloro che stanno iniziando o che non hanno ancora adottato misure per semplificare l’installazione di Enscape e i processi di gestione dei materiali o delle risorse.

Condividi l’articolo