Logo Tecnobit menu testata.
SketchUp vista del teatro Marigny con contesto.

SketchUp nel restauro di teatri e altri edifici storici per lo spettacolo

Paul Millet è un architetto dello studio Clé Millet che ha sede a Parigi e si occupa principalmente di restauro e recupero di  edifici storici, soprattutto dedicati allo spettacolo, al teatro e alla danza. Paul si affida alla flessibilità di SketchUp per realizzare in poco tempo progetti 3D vincenti e rendering di forte impatto.

In copertina vista del Teatro Marigny con contesto, realizzata con SketchUp.
Tutte le immagini dell’articolo sono una gentile concessione dello studio Clé Millet.

Nello studio di architettura Clé Millet di Parigi si partecipa spesso a concorsi di progettazione per il recupero di complessi culturali iconici e di grande valenza architettonica, in particolare teatri ed edifici storici sottoposti alla tutela del Ministero della Cultura francese. Questi concorsi di architettura richiedono efficienza, ingegno e creatività.

Spaccato assonometrico del Teatro Marigny realizzato SketchUp.
Spaccato assonometrico del Teatro Marigny realizzato SketchUp.
Stephane Millet fondatore.
Stephane Millet, architetto, fondatore.
Paul Millet, architetto, modellatore 3D.

Il recupero dei beni architettonici in Francia

Il Ministero della Cultura francese è il responsabile per la gestione dello sviluppo e della conservazione del tipo di edifici culturali in cui lo studio Clé Millet si è specializzato. Si tratta di un ente governativo i cui obiettivi affondano le radici nel periodo pre-rivoluzionario, con una certa ispirazione al mecenatismo delle corti rinascimentali e al ruolo chiave delle famiglie reali e nobiliari nel promuovere la cultura. In tal senso si può dire che il governo francese sponsorizzi l’arte e gli artisti da centinaia di anni. Il Ministero attuale è stato istituito da Charles de Gaulle nel 1959 per stabilire i “diritti alla cultura” dei cittadini francesi e da allora, ha finanziato attivamente e in vari modi le arti, inclusi la realizzazione o il restauro degli spazi a esse deputati.

Foto dell'esterno di una Cappella a Jujurieux in Francia.
Foto dell'esterno di una Cappella a Jujurieux in Francia.
Foto dell'interno restaurato di una Cappella a Jujurieux in Francia.
Foto dell'interno restaurato di una Cappella a Jujurieux.

Attualmente gli edifici individuati come monumenti culturali ricadono sotto il governo del Ministero della Cultura e, dato che si tratta di proprietà pubbliche e a uso pubblico, il ministero deve indire dei concorsi di progettazione per determinare a chi assegnare gli interventi di restauro.

Precisione strutturale nel restauro attraverso il 3D di SketchUp

Spaccato del modello 3D della cappella di Tours.
Spaccato del modello 3D della cappella di Tours.

I partecipanti ai concorsi di progettazione devono affrontare sfide che vanno ben oltre il tentativo di superare gli altri concorrenti attraverso la qualità delle soluzioni proposte. Spesso già la documentazione dello stato di fatto può risultare lacunosa in merito ad aggiunte, superfetazioni e ristrutturazioni successive alla costruzione, quindi già definire il punto di partenza del nuovo progetto può rappresentare un problema da studiare e risolvere con la massima precisione.

Un ottimo esempio di documentazione incompleta è stato il concorso per la ristrutturazione del Teatro Nazionale di Danza di Chaillot. Il teatro, costruito tra il 1934 e il 1937, è un edificio sotterraneo complesso, con molteplici spazi e stanze, per il quale Clé Millet ha ricevuto le planimetrie e alcune sezioni. Quando Paul ha iniziato a costruire il modello 3D, il team si è reso conto che i disegni forniti non rappresentavano accuratamente lo stato di fatto dell’edificio, ma è proprio la necessità di definire un modello 3D a mettere in luce incongruenze ed errori nella documentazione 2D. Così Paul ha sfruttato SketchUp per definire un modello preciso dello stato di fatto del teatro su cui basare il progetto di restauro per partecipare al concorso.

Superare il bando di concorso di restauro con il 3D di SketchUp

Può pure capitare che la documentazione originale non sia l’unica cosa a necessitare di un’accurata verifica. Il team Clé Millet a volte trova motivo di proporre soluzioni che vanno oltre i parametri del bando di gara, spesso ottenendo risultati positivi. SketchUp offre a Clé Millet la flessibilità necessaria per proporre soluzioni alternative rapidamente e pensare fuori dagli schemi per trovare soluzioni progettuali sorprendenti.

Il Teatro Nazionale di Danza Chaillot è una struttura interamente sotterranea, costruita quasi un secolo fa, dotata di una sala per spettacoli e di studi per le prove. Nel bando di concorso previsto per la ristrutturazione, il Ministero voleva aumentare di un terzo le dimensioni del palco, prevedendo di ridurre il numero di posti a sedere nel teatro, sia per ospitare un palco più grande che per garantire un maggior comfort al pubblico futuro. L’edificio è sotterraneo e ulteriori costruzioni fuori terra sono state vietate per una buona ragione: il teatro e gli edifici che lo incorniciano sono adiacenti alla Torre Eiffel. Il Ministero aveva stabilito che nessun ulteriore manufatto avrebbe potuto ingombrare l’area attorno al monumento più iconico di Parigi.

Google Street View mostra la posizione del Teatro Nazionale di Danza Chaillot rispetto alla Torre Eiffel.
Google Street View mostra la posizione del Teatro Nazionale di Danza Chaillot rispetto alla Torre Eiffel.

Clé Millet ha invece proposto una soluzione per espandere il teatro aumentando le dimensioni del palco e allo stesso tempo fornire comodi posti a sedere per lo stesso numero di persone che avevano assistito a spettacoli di danza lì per quasi un secolo, il tutto senza costruire strutture aggiuntive fuori terra. Il progetto proposto espande il teatro scavando ulteriormente nella collina calcarea che lo ospita. Utilizzando un modello di SketchUp come riferimento per il lavoro proposto, hanno presentato un piano per scavare in sicurezza il nuovo volume, migliorando al tempo stesso l’integrità strutturale dell’edificio sotterraneo esistente.

Vista SketchUp dello spazio per spettacoli del Teatro nazionale di danza Chaillot.
Vista SketchUp dello spazio per spettacoli del Teatro nazionale di danza Chaillot.

Dopo aver ricevuto la nuova proposta di progetto da Clé Millet, che presentava una soluzione più efficace per l’imminente ristrutturazione, la giuria ha modificato le linee guida del concorso per consentire a Clé Millet di presentare la propria idea innovativa. Clé Millet ha vinto il concorso, ottenendo l’autorizzazione per ristrutturare un edificio in un’area così significativa per la cultura francese, che sarà anche sede della cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Parigi nel 2024.

Progettare il recupero con la velocità di SketchUp

In molte delle competizioni a cui partecipa il team Clé Millet prevedono scadenze piuttosto ravvicinate, per cui è necessario produrre molti elaborati entro due o tre mesi dalla prima ricezione del bando. Proprio per questa necessità, Paul basa il suo flusso di lavoro sulla velocità e sull’efficienza e utilizza SketchUp per dar forma a modelli 3D che comunicano la visione del progetto al team interno e alla giuria del concorso.

Vista SketchUp interno dello spazio per spettacoli del Chaillot National Dance Theatre.
Vista SketchUp interno dello spazio per spettacoli del Chaillot National Dance Theatre.

Paul comincia a lavorare sui suoi modelli 3D partendo dalla documentazione esistente dello stato di fatto, aggiungendo le porposte progettauli schizzate a mano libera da Stéphane. Costruisce così un modello di SketchUp partendo dal basso verso l’alto, come immagina farebbero gli operai in cantiere. Quando Paul dispone di elaborati CAD da cui partire, il Revit Importer di SketchUp gli fa risparmiare tempo consentendogli di dedicarsi fin da subito all’ebbrezza della modellazione 3D intuitiva di SketchUp.

I modelli ombreggiati di SketchUp aiutano Paul nello studia delle luci, con rapidità e accuratezza. Anche sapere come la luce solare entrerà in un edificio è fondamentale quando si progetta, per garantire la massima efficienza dell’edificio, nonché  il miglior comfort per l’utente.

Vista SketchUp con le ombre dello spazio per spettacoli del Teatro nazionale di danza Chaillot.
Vista SketchUp con le ombre dello spazio per spettacoli del Teatro nazionale di danza Chaillot.

Paul è anche un esperto utilizzatore della 3D Warehouse, grazie alla quale risparmia parecchio tempo utilizzando i modelli predefiniti e liberamente scaricabili per arricchire di dettagli le sua scene. Durante la realizzazione del suo modello per il Teatro Nazionale di Danza di Chaillot, ha addirittura aggiunto gli edifici del contesto pescando dai modelli disponibili nella 3D Warehouse.
Il flusso di lavoro di Paul prevede prima la restituzione 3D dello stato di fatto, su questa si elabora il nuovo progetto e quindi vengono svillupsi estrapolano scene, rendering e documentazione 2D conformi alle richieste del bando di concorso.

Vista di SketchUp che mostra il teatro sotterraneo del Chaillot National Dance Theatre, insieme al modello tratto da Galleria di immagini 3D, che mostra un ulteriore contesto fuori terra.

La flessibilità di SketchUp per il recupero di edifici storici

Studio illuminotecnico realizzato dal modello SketchUp con Twinmotion. Alcune edifici del contesto provengono dalla 3D Warehouse di SketchUp, come il Grand Palais che si vede sullo sfondo del video.

Anche la flessibilità è fondamentale per il successo di Paul. Gli edifici storici presentano spesso irregolarità difficili da rappresentare accuratamente con altri software CAD più rigidi, mentre SketchUp offre la flessibilità di cui ha bisogno per modellarli con precisione in 3D.

Clé Millet ha avuto il compito di intervenire sul Teatro Marigny, originariamente realizzato come edificio panoramico a pianta centrale e poi trasformato in teatro intorno al 1895 dall’architetto Édouard Niermans. All’epoca gli architetti crearono un muro di separazione tra il palco e il pubblico che metteva a repentaglio l’equilibrio dell’ossatura del tetto.
Nel 1925 fu commesso l’errore più grande: la sospensione di una cupola con struttura metallica sull’ossatura del tetto in legno. Considerando la disposizione del teatro, la cupola non era centrata sulla struttura del tetto e questo ha causato una lenta deformazione dell’intera struttura di copertura.

Sezione prospettica del teatro Marigny.
Sezione prospettica del teatro Marigny.
Sezione del teatro Marigny.
Sezione del teatro Marigny.
Vista d'interni dal palco del teatro Marigny.
Vista d'interni dal palco del teatro Marigny.

Quando Clé Millet è entrato in scena, la cupola era ormai completamente inclinata. Paul ha modellato accuratamente l’inclinazione anomala e la struttura soggetta a cedimento, sovrapponendo poi in SketchUp un modello della soluzione di recupero proposta. La capacità di modellare in modo rapido e accurato sia i problemi che le soluzioni è fondamentale per il restauro architettonico proposto dai modelli 3D di Paul.

Comunicare i dettagli del recupero con il 3D di SketchUp

Il team di Clé Millet e Paul in particolare utilizzano SketchUp sia come strumento di comunicazione interna, che per relazionarsi con soggetti esterni e recepire in modo agile le loro osservazioni, anche quando non hanno a che fare con persone esperte di progettazione, come possono essere alcuni membri delle giurie dei concorsi di progettazione e recupero di edifici di valenza storica.

Nel modello dell’Hotel Marigny, la dedizione di Paul ai dettagli ha dato forma a una presentazione estremamente accurata e riconoscibile del progetto. Ha realizzato le statue poste all’esterno dell’edificio con il software Sculptris e poi le ha aggiunte al modello 3D di SketchUp. Si può esplorare il modello 3D del Teatro Marigny che Paul ha condiviso tramite Trimble Connect.

Rendering interno Teatro Saint Omer.
Rendering interno Teatro Saint Omer.
Foto atrio Teatro Saint Omer prima del restauro.
Foto atrio Teatro Saint Omer prima del restauro.
Foto atrio Teatro Saint Omer dopo il restauro.
Foto atrio Teatro Saint Omer dopo il restauro.

Tutte le parti interessate traggono vantaggio dai modelli 3D che Paul realizza, durante tutto il processo di selezione concorsuale, perché è molto più semplice comprendere i molteplici aspetti di un progetto nella visualizzazione 3D, rispetto alla documentazione 2D. La potenza delle scene prospettiche, la facilità d’uso e la capacità di condividere idee con chiunque rendono SketchUp fondamentale nel processo di partecipazione ai concorsi di progettazione di Clé Millet.

A proposito di Clé Millet

Clé Millet si occupa sia di ristrutturazioni storiche che di progetti di nuovi edifici. Il loro sito web mostra un ampio portfolio di realizzazioni.
Clé Millet ha dedicato la propria attività a un approccio globale alla costruzione, convinto che l’abilità dell’architetto poggi sulla sua capacità di sintesi. Il suo approccio di tipo umanistico si pone al servizio dell’esigenza di qualità progettuale, qualunque sia il tema programmatico con cui si confronta: grandi strutture pubbliche, strutture sanitarie, alberghiere, terziarie o abitative in tutte le sue accezioni dall’edilizia sociale alle residenze di lusso.

Continuiamo su questi sentieri e queste certezze, con spirito di apertura verso un mondo in continuo cambiamento.

Stéphane Millet, architetto e scenografo, fondatore

Condividi l’articolo

visita SketchUp Italia
visita Enscape Italia
visita V-Ray Italia

Condividi l’articolo

CATEGORIE

seguici sui nostri canali social

ARTICOLI CORRELATI