Logo Tecnobit menu testata.

Chi siamo

Storia ed evoluzione delle versioni di SketchUp

Storia ed evoluzione delle versioni di SketchUp

Se stai cercando il software di progettazione 3D che fa per te e, come parte della tua ricerca documentale, vuoi esaminare anche il passato di uno dei programmi di modellazione 3D più diffusi nel mondo, allora sei capitato nel posto giusto.
Qui puoi sapere tutto sulla cronologia delle versioni di SketchUp Pro, come è nato il software, chi lo ha acquistato e venduto, quali versioni ed edizioni sono state lanciate nel corso degli anni, nonché le funzionalità, i piani e i prezzi. 
Benvenuto nel nostro mondo!

Le origini di SketchUp

La rapida successione delle versioni di SketchUp Pro e i suoi cambi di proprietà possono a prima vista destare stupore, ma un’analisi più attenta spiega ogni risvolto della vicenda che ha portato SketchUp dov’è ora. 

Le origini di SketchUp come strumento di modellazione 3D risalgono a una società chiamata @Last Software, una start-up co-fondata nel lontano 1999 da Brad Schell e Joe Esch nella città di Boulder, in Colorado.

I due hanno creato il loro software di modellazione 3D generico nel 2000 ed era uno strumento di creazione di geometrie 3D insolitamente versatile ma al contempo semplice, che immaginavano si sarebbe rivelato vitale per i professionisti del design. E in effetti hanno colpito nel segno: il loro innovativo programma di modellazione 3D ha vinto un Community Choice Award alla sua prima fiera nel 2000 e da allora è andato sempre più rafforzandosi.

Con il passare del tempo e l’avanzare della tecnologia, è stato spesso aggiornato per includere comandi di layout del disegno e rendering delle superfici in una miriade di stili diversi e si possono persino posizionare i modelli creati con SketchUp in Google Earth.

Oggi, a più di due decenni di distanza, SketchUp gode di un posto in cima alla classifica del software cad più diffusi. È ampiamente utilizzato nei settori dell’architettura, dell’interior design, dell’architettura del paesaggio, dell’ingegneria civile e meccanica, del design di film e videogiochi ed è popolare in tutto il mondo.
È disponibile sia come Web App gratuita, col nome di SketchUp Free, che nella sua versione professionale SketchUp Proche ha molte altre funzionalità aggiuntive, nonché nella versione SketchUp Go.

L'acquisizione di SketchUp da parte di Google

Nel marzo 2006 Google ha acquistato la @Last Software basandosi sulle caratteristiche innovative del prodotto sviluppato fino quel momento e dal loro interesse per un plug-in di Google Earth. Così all’inizio del 2007 Google ha annunciato l’arrivo di qualcosa chiamato Google SketchUp 6.
Questo programma di modellazione 3D era scaricabile gratuitamente e veniva fornito con una suite di strumenti integrati per consentire il caricamento dei contenuti su Google Earth e sulla 3D Warehouse del gigante della ricerca su internet.
Presto seguì Google SketchUp Pro 6, che incorporava una versione beta di Google SketchUp LayOut, includeva strumenti vettoriali 2D intelligenti e strumenti di impaginazione già popolari in altri programmi. Tutto ciò significava che era possibile per gli utenti creare presentazioni senza ricorrere a un programma separato.

Il programma di modellazione 3D è diventato più popolare con il passare del tempo e alla fine del 2008 è stato rilasciato SketchUp 7, che integrava Component Browser di SketchUp con Google 3D Warehouse, LayOut e una varietà di componenti dinamici progettati per rispondere magnificamente alle esigenze di modifica delle dimensioni.

La versione del 2010, la 8, è arrivata in autunno, incorporando la geolocalizzazione del modello con l’integrazione di Google Maps e lo strumento Building Maker.

2012 il passaggio di SketchUp da Google a Trimble

Nella primavera del 2012 Google ha venduto Sketchup a Trimble Navigation, ora Trimble Inc..
Nel 2013 è uscito SketchUp 2013, insieme a un nuovo sito Web intelligente e a un enorme deposito di estensioni e plug-in – l’Extension Warehouse – per ampliare le potenzialità il software.
Sketchup a questo punto si era davvero imposto sulla scena del design e stava facendo faville ovunque fosse utilizzato: uno strumento davvero amato dagli utenti, che ha fatto più strada della maggior parte dei competitors, lo ha fatto più velocemente, più facilmente e in modo più professionale.
Da allora ha continuato a svilupparsi, sempre aggiornato, sempre sicuro e sempre ricco di funzionalità brillanti.

Tutte le versioni e le edizioni di SketchUp

Ecco la rassegna cronologica delle versioni di Sketchup che come tutti i migliori software, ha subito moltissime revisioni in altrettante versioni, una migliore dell’altra. Questo è l’elenco delle principali versioni di SketchUp:

  • 2000: SketchUp v.1
  • 2002: SketchUp v.2
  • 2003: SketchUp v.3
  • 2004: SketchUp v.4, v.5
  • 2006: Google Warehouse
  • 2007: SketchUp v.6, LayOut (beta)
  • 2008: SketchUp v.7, LayOut v.2
  • 2010: SketchUp v.8, LayOut v.3
  • 2013: SketchUp v.2013, LayOut v.2013, Extension Warehouse
  • 2014: SketchUp v.2015
  • 2015: SketchUp Make v.2015, SketchUp Pro v.2015
  • 2016: SketchUp Make v.2016, SketchUp Pro v.2016
  • 2017: SketchUp Make v.2017, SketchUp Pro v.2017
  • 2018: SketchUp Pro v.2018 4.2 e Sketchup 4.2.1
  • 2019: versioni 4.2.2, 4.2.3, 5.0.0, 5.0.1
  • 2020: versioni 4.2.4, 5.0.2, 5.1.0, 5.1.1 e 5.1.2
  • 2021: versioni 5.2.0 e v5.2.1
  • 2022: SketchUp Free Web
  • 2023: SketchUp Pro e Studio 2023
logo SketchUp 2002 2006
logo google SketchUp 2007

Le edizioni SketchUp

Sketchup Studio contiene tutto ciò che è presente nella versione Pro, oltre a cose interessanti come l’analisi energetica degli edifici, l’analisi della luce diurna, il dimensionamento HVAC, l’analisi del comfort termico e le emissioni di CO2, perfette per la progettazione odierna che dedica molta attenzione al clima e al risparmio energetico.

La licenza del programma di modellazione 3D Sketchup Pro è cross-platform e gira su sistemi Windows e Mac. Fornisce tutte le funzionalità di quello che una volta era Sketchup Make con l’aggiunta delle funzioni di import ed export in modo da poter condividere facilmente i file nei più diffusi formati CAD 2D e 3D. Offre un facile accesso al software di documentazione 2D di LayOut e a Style Builder, dove si possono creare stili di tratto personalizzati per i propri modelli SketchUp. Già dalla versione Pro 2016 viene fornito completo di un’elegante integrazione nativa con Trimble Connect per la condivisione dei file tra collaboratori. Tra le tante possibilità, c’è da segnalare anche la possibilità di esportare i modelli in formato STL per stampanti 3D e macchine CNC.

Sketchup Make era nato per uso domestico, personale ed educativo nel 2013 ed era gratuito, anche come versione di prova per 30 giorni per poi passare a Pro. È stato sostituito da Sketchup Free Web nel 2017 ed è ora un’app basata sul Web che gira sui più comuni browser e su sistema operativi desktop Windows, macOS, Linux; consente di salvare i disegni nel cloud, oppure localmente come file SKP nativi, tuttavia non supporta l’aggiunta delle Estensioni della Extension Warehouse.

Condividi l’articolo